Archivi per la Categoria: NewsCredito

MANIFATTURA E LAVORO 4.0: CONTRIBUTI PER 9 MILIONI PER IL SOSTEGNO AI PROCESSI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIGITALE DELLE PMI

MANIFATTURA E LAVORO 4.0: CONTRIBUTI PER 9 MILIONI PER IL SOSTEGNO AI PROCESSI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIGITALE DELLE PMI

Favorire i processi di innovazione tecnologica e digitale delle micro, piccole e medie imprese manifatturiere marchigiane, attivando almeno un tirocinio lavorativo: è la finalità di un bando emanato dalla Regione che prevede una dotazione finanziaria iniziale di 8,9 milioni di euro, da ripartire sotto forma di contributi a fondo perduto,  scaricabile QUI

Il bando sarà anche presentato nel corso di un seminario che si terrà il 15 settembre presso la sede della Giunta regionale (Palazzo Li Madou, Ancona a partire dalle ore 15.00). Le risorse messe a disposizione del sistema produttivo locale sono quelle del Por Marche Fesr 2014-2020 che sostengono i processi di innovazione aziendale e l’utilizzo delle nuove tecnologie digitali (Azione 1.3).

SOGGETTI BENEFICIARI: Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente bando le MPMI (micro, piccole e medie) imprese manifatturiere marchigiane, in forma singola, che abbiano avviato, successivamente alla data di pubblicazione del presente bando sul BURM, da almeno 60 giorni almeno un tirocinio di inserimento/reinserimento al lavoro ai sensi della DGR n. 1134/2013 e s.m.i., finalizzato alla presentazione della domanda di partecipazione al
presente bando e alla realizzazione del programma di investimento proposto. I tirocinanti devono essere in possesso, prioritariamente, di un titolo di studio, o di formazione professionale post diploma o post laurea e/o di esperienza lavorativa almeno biennale comprovanti un livello di conoscenze e competenze inerenti le tecnologie relative al manifatturiero avanzato e/o le tecnologie ICT emergenti, con particolare riferimento a quelle oggetto del programma di investimento, risultanti dal loro curriculum vitae.
ENTITA’ DELL’AIUTO: Il contributo in conto capitale varia da un minimo del 10% ad un massimo del 60% della spesa ammissibile. L’intensità di aiuto varia a seconda della dimensione dell’impresa e della tipologia di spesa sostenuta.

Le aziende interessate a partecipare al bando, prima di presentare la domanda, dovranno attivare almeno un tirocinio di inserimento o reinserimento lavorativo, della dura di sei mesi, collegato all’investimento da sviluppare. La richiesta di partecipazione andrà poi accompagnata da un progetto di qualificazione e sviluppo delle competenze interne o di nuova assunzione, che potrà essere finanziato attraverso voucher formativi appositamente assegnati dalla Regione Marche.

Alle imprese  ammesse a finanziamento, sarà corrisposto il 60 per cento dell’indennità  spettante ai tirocinanti e un ulteriore contributo, a fondo perduto, del Fondo sociale europeo, nel caso di trasformazione del tirocinio in contratto subordinato o di assunzione di lavoratori, aggiuntivi rispetto all’organico risultante al momento della presentazione della domanda. L’accesso al bando sarà possibile esclusivamente con procedura informatizzata.

SPESE AMMISSIBILI:
– Automazione industriale;
– Smart and Digital Factories (IoT);
– Sistemi produttivi flessibili;
– Produzione rapida;
– Progettazione e sviluppo di prodotti multifunzione, modulari e configurabili;
– Progettazione di prodotti di alta qualità attraverso tecnologie digitali innovative;
– Progettazione integrata (progettazione simultanea prodotto-processo-sistema);
– Realizzazione del sistema di etichettatura per la tracciabilità del prodotto.

INFO: Fidimpresa Marche, filiale di Macerata, 0733/239040

COLLEZIONI INNOVATIVE MADE IN ITALY: ULTERIORI RISORSE PER I COMPARTI MODA, LEGNO E MOBILE

COLLEZIONI INNOVATIVE MADE IN ITALY: ULTERIORI RISORSE PER I COMPARTI MODA, LEGNO E MOBILE

Realizzare collezioni innovative per conquistare nuove quote di mercato nazionale e internazionale: è l’obiettivo del bando emanato dalla Regione Marche al quale hanno risposto, in maniera consistente, le piccole e medie imprese del comparto “moda” e “legno e mobile”.

“Sono molto soddisfatta della consistente partecipazione delle aziende, e credo che la Regione, attraverso questo bando, abbia saputo intercettare la grande esigenza d’innovazione da parte del sistema produttivo locale, per competere sui mercati e rilanciare il made in Italy marchigiano” – commenta l’assessora alle Attività Produttive, Manuela Bora – Le risorse inizialmente disponibili non si sono dimostrate sufficienti a soddisfare tutte le richieste delle imprese che hanno superato la valutazione degli esperti indipendenti. Per questa ragione si è ritenuto di implementare il budget del bando di ulteriori risorse comunitarie per 4,6 milioni di euro, preservando originalità, specializzazione e contenuti culturali delle nostre produzioni ad alto riconoscimento e attrattività estera. Scelta importante della Regione che ha consentito di finanziare ulteriori 60 progetti di cui 20 per il comparto legno e mobile e 40 per quello della moda, attivando investimenti per un importo complessivo di € 10.500.000.

Lo scorrimento delle graduatorie, (approvato con decreto del dirigente della P.F. “Innovazione ricerca e competitività” n. 176/IRE del 28/06/2017), ha permesso di soddisfare il 73% delle domande in graduatoria. I progetti finanziati dovranno introdurre innovazioni nei processi produttivi, nell’organizzazione e nel rispetto dell’ambiente, diversificando l’attività con prodotti nuovi o sostanzialmente migliorati rispetto a quelli già offerti,  valorizzando, in particolare, il design, l’ideazione estetica, la progettazione, il marketing e la commercializzazione, soprattutto sui mercati internazionali.

INFO: Fidimpresa Marche, filiale di Macerata 0733/239040

“SMONTA LA CRISI: CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI”: NE PARLIAMO STASERA A MATELICA

“SMONTA LA CRISI: CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI”: NE PARLIAMO STASERA A MATELICA

Nell’ambito della stagione assembleare, la CNA organizza per questa sera, alle 18, al Ristorante “La tana di Biutino” a Matelica un incontro pubblico dal titolo “Smonta la crisi: contributi per investimenti”.

L’incontro è rivolto alle imprese manifatturiere e del settore ICT del comune di Matelica per presentare le misure di sostegno che possono arrivare fino al 50% di contributi a fondo perduto sugli investimenti per la reindustrializzazione dell’area dei comuni della zona di Fabriano.

Illustreranno il progetto: Patrizia Tiranti, Presidente CNA Matelica, Marzio Sorrentino, Responsabile sindacale CNA Ancona; interverrà il Direttore Territoriale della CNA di Macerata, Luciano Ramadori, e parteciperanno Amministratori Comunali di Matelica.

 

BANDI REGIONALI: PROROGATE ALCUNE SCADENZE. LIGLIANI: OPPORTUNITA’ DA SFRUTTARE, MOLTI GLI ASPETTI FINANZIABILI

BANDI REGIONALI: PROROGATE ALCUNE SCADENZE. LIGLIANI: OPPORTUNITA’ DA SFRUTTARE, MOLTI GLI ASPETTI FINANZIABILI

Le risorse per il territorio? Ci sono, ma per intercettarle è necessario informare tempestivamente le aziende in modo che possano partecipare ai bandi. Troppo spesso infatti i fondi restano inutilizzati perché le aziende non conoscono i bandi o per la difficoltà pratica di accedervi, quando cercano di fronteggiare i problemi quotidiani della propria attività. CNA ha l’obiettivo di essere vicina alle aziende, per farle arrivare alle risorse che ci sono”.

Il Presidente Provinciale di CNA Macerata Giorgio Ligliani interviene sul tema dell’accesso da parte delle PMI ai finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Marche.

In particolare, riguardo il bando Por Marche FESR 2014 – 2020 relativo alle imprese culturali e creative, la cui scadenza è stata prorogata al 28 marzo, afferma Ligliani: “Rappresenta una buona opportunità da sfruttare, che finanzia una progettualità complessa e qualitativamente alta attraverso progetti di filiera tra imprese del settore culturale, turistico e manifatturiero. Ricordiamo che la nostra regione si è specializzata per valore aggiunto e occupazione del sistema culturale e creativo, seconda in Italia per crescita della quota di valore aggiunto legato alla cultura sul totale dell’economia regionale”.

Sul tema interviene anche Luciano Ramadori, Direttore Provinciale CNA Macerata: Il contributo è notevole, con un ampio ventaglio di idee finanziabili e permette alle piccole e medie imprese culturali e creative, e a settori manifatturieri e del turismo, di incentivare la propria attività o coprire per la metà spese che si era già pensato di sostenere”.

Ramadori inoltre evidenzia anche come sia “significativo il fatto che non ci siano limitazioni nella tipologia delle spese ammissibili a finanziamento: dalla progettazione al personale fino ai materiali e in parte alle opere murarie”.

I costi ammissibili riguardano infatti la progettazione (entro il limite del 10%), le spese di personale (entro il limite del 40%), le spese per servizi di consulenza (gestionali, commerciali, consulenze specialistiche, marketing, internazionalizzazione, etc.), spese di fidejussioni, legali, assicurative, notarili e quelle per altri servizi strettamente pertinenti alla natura del progetto da finanziare, oltre ai costi per brevetti e licenze, strumentazione, attrezzature, macchinari, impianti, hardware e spese di connessione e impianti, materiali, delle forniture e di prodotti analoghi direttamente imputabili alle attività svolte, programmi informatici, know how, conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi. Infine è possibile ripagarsi le opere murarie e assimilate, ma entro il limite del 20%, solo in caso di opzione De Minimis.

Sempre in tema risorse per il territorio nei giorni scorsi è stata annunciata dalla Regione Marche la proroga del termine per la presentazione della domande del bando che sostiene lo sviluppo e il consolidamento di start-up ad alta intensità di applicazione di conoscenza: a disposizione 8 milioni di euro per le imprese che hanno un codice ATECO ad alta intensità di conoscenza, con sede produttiva nelle Marche, con scadenza 15 marzo 2017. Il bando contempla due linee di intervento: la prima dedicata a chi deve realizzare e definire un primo prototipo, la seconda riguarda le attività necessarie per l’industrializzazione e commercializzazione del nuovo prodotto o servizio.

 

Pagine:
Pagine:
Pagine:

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA