Archivi per la Categoria: Installazione_Impianti

VENDITA F-GAS SU INTERNET: AMAZON RIMUOVE I PRODOTTI SEGNALATI. CNA: POSITIVA RISOLUZIONE DEL PROBLEMA

VENDITA F-GAS SU INTERNET: AMAZON RIMUOVE I PRODOTTI SEGNALATI. CNA: POSITIVA RISOLUZIONE DEL PROBLEMA

Il caso si è chiuso positivamente, senza bisogno dell’intervento del Tribunale. Amazon ha confermato di avere rimosso i prodotti oggetto della segnalazione ed ha attivato un canale di comunicazione diretto per consentire la segnalazione da parte di CNA di eventuali altre offerte dei prodotti in questione. Amazon ha inoltre confermato che tutti i venditori presenti sul sito devono seguire le linee guida di vendita di Amazon e le regole vigenti nel Paese in cui operano, di cui sono responsabili. Coloro che non lo fanno sono soggetti ad azioni che includono la potenziale chiusura del loro account.

RENDERE SICURA UNA CASA COSTA DAI 4 AI 16 MILA EURO: I SUGGERIMENTI DI CNA INSTALLAZIONE

RENDERE SICURA UNA CASA COSTA DAI 4 AI 16 MILA EURO: I SUGGERIMENTI DI CNA INSTALLAZIONE

Estate. Ferie. Abitazioni che rimangono incustodite. Ritorna la paura dei furti. Anche se, come certifica il Viminale, nel 2017 i furti nelle abitazioni denunciati in Italia sono diminuiti, passando dai 214.053 del 2016 a 192.681, quasi il 10% in meno. Per chi ama le statistiche rimangono 528 al giorno, 22 l’ora, uno ogni tre minuti circa. Senza tener conto di quanti sfuggono alle indagini perché le vittime sono scoraggiate e nemmeno si recano alla più vicina caserma o al più vicino commissariato.

Che cosa succede dopo la denuncia? Solo di tre furti in abitazione su cento sono scoperti gli autori. In Germania sono 55 su cento, sottolinea l’ultimo Rapporto di Transcrime, il Centro di ricerca di criminologia dell’Università Cattolica di Milano. Completa il quadro una indagine Eurostat-Unodc aggiornata al 2015 che colloca il nostro Paese per tasso di furti nelle abitazioni al quinto posto in Europa. Peggio di tutti i “pari taglia”: Francia, Germania, Regno Unito, Spagna.

Nel suo ultimo Rapporto, il Censis rileva che oltre 19 milioni di italiani (vale a dire più di tre famiglie su dieci) percepiscono il rischio della criminalità nel territorio in cui vivono. E che la criminalità è ritenuta il quarto più grave problema nazionale, dopo la mancanza di lavoro, l’evasione fiscale e l’eccessivo prelievo fiscale. Forse è per questo che le famiglie maggiormente avvedute, disponibilità economica permettendo, stanno decidendo in misura crescente di correre ai ripari. Installando porte blindate con serrature sempre più sofisticate, sistemi d’allarme, inferriate a porte e/o finestre, vetri e infissi anti-intrusione, telecamere.

Il merito del calo dei furti nelle abitazioni, probabilmente, è legato anche alla massiccia prevenzione messa in campo nelle case italiane. Dal Censis si apprende che il 66,3% delle famiglie ha installato la porta blindata, il 42% un sistema d’allarme, il 33,5% inferriate a porte e/o finestre, il 31% infissi e vetri anti-intrusione, il 30,7% telecamere. Con numerosi nuclei, ovviamente, che hanno installato più dispositivi.

Il Paese delle porte blindate: su quasi 30 milioni di immobili dotati di utenze domestiche (acqua, elettricità, gas) sono installate quasi 19 milioni e 900mila porte blindate. I sistemi d’allarme ammontano a 12,6 milioni. Oltre 10 milioni di abitazioni dispongono di inferriate a porte e/o finestre. Infissi e vetri anti-intrusione sono montati in 9,3 milioni di abitazioni. E in oltre 9,2 milioni di case ci sono telecamere per scoprire che cosa succede nei dintorni e/o all’interno dell’immobile.

Tante abitazioni ancora indifese: eppure ci sono ancora tantissime abitazioni indifese e ancora troppe persone che sembrano attendere il primo furto – o, se va bene, il primo tentativo di furto – per correre ai ripari. Un comportamento molto rischioso, soprattutto all’approssimarsi del grande esodo estivo e dello svuotamento dei centri abitati a favore delle località di vacanza. Una transumanza che tradizionalmente favorisce i “topi d’appartamento”.

Quanto costa rendere sicura un’abitazione: C’è una soluzione per tutte (o quasi) le tasche. Complessivamente può richiedere da 4mila a 16mila euro. A seconda delle dimensioni e delle apparecchiature scelte. In dettaglio. Per una porta blindata si spende da 1500 a 5mila euro. I sistemi di allarme vanno da 150/300 euro (modelli economici)  passando per 300/500 euro (tipologia media) a 500/mille euro per i prodotti semi-professionali. Per le telecamere interne bastano cento euro, per le esterne tra i 120 e i 150 euro. Diverse le tipologie di inferriate alle finestre. I costi minimi sono  di 120 euro al metro quadrato (mq) per l’inferriata estensibile in alluminio, di 200 euro al mq per l’inferriata fissa in ferro, di  400 euro al mq per l’inferriata a battente, di 600 euro al mq per l’inferriata a scomparsa. Le finestre anti-sfondamento hanno un prezzo di 200/250 euro al metro quadro.

I suggerimenti di CNA Installazione e Impianti

Ma come fare per evitare brutte sorprese al ritorno delle vacanze e in genere al rientro a casa? Prima di tutto rifuggendo dal raccontare attraverso i social media i propri spostamenti, magari accompagnati anche da foto di Paesi lontani. Molti, infatti, non resistono alla tentazione di far sapere ad amici, parenti e colleghi (ma spesso anche a sconosciuti, o quasi) di essere lontani da casa e di non tornarci in tempi brevi. E’ necessario, poi, installare impianti anti-furto i più sofisticati possibile, tenendo conto che i delinquenti sono molto aggiornati sulle innovazioni tecnologiche. E rivolgersi esclusivamente a installatori abilitati, dei quali potersi fidare tanto per professionalità quanto per onestà. Le nuove disposizioni in materia di privacy, adottate di recente sulla scorta del Regolamento europeo, hanno inoltre un notevole impatto sulla videosorveglianza in quanto, per poter garantire l’utilizzo corretto delle telecamere, sono richieste rigorose e certificate competenze.

ISCRIZIONI APERTE PER IL CORSO DI AGGIORNAMENTO FER: SCADENZA DOMANDE IL 14 SETTEMBRE

ISCRIZIONI APERTE PER IL CORSO DI AGGIORNAMENTO FER: SCADENZA DOMANDE IL 14 SETTEMBRE

CNA e Form.Art Marche organizzano il CORSO DI AGGIORNAMENTO FER rivolto SOLO COLORO CHE NON HANNO ANCORA ADEMPIUTO all’obbligo formativo che riguarda tutti gli installatori che abbiano conseguito la qualifica professionale per attività di installazione e manutenzione straordinaria di caldaie, caminetti e stufe a biomassa, di sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, di sistemi geotermici e di pompe di calore. L’aggiornamento formativo è necessario per mantenere la qualificazione degli installatori di impianti “FER” ottenuta al 3 agosto 2013 all’entrata in vigore del d.lgs 28/2011. 

Sede: Aula formazione CNA di Civitanova Marche – Via Einaudi, 436

Date:

27/09/2018   orario 9-13 e 14-18

04/10/2018  orario 9-13 e 14-18

 Il corso è rivolto a tutti i RESPONSABILI TECNICI e soggetti abilitati delle imprese di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili (ATECO 2007/ISTAT: 35.30 – 36.00 – 43.21 – 43.22). La normativa (DGR 1749 del 17/12/2016) prevede la frequenza obbligatoria al 100%, pertanto non sono ammesse assenze e non sarà possibile recuperare le lezioni perse in altre sedi.

 Per iscriversi al corso è necessario inviare entro il 14/09/2018  a  mrossi@mc.cna.it 

–   modulo di iscrizione compilato in ogni sua parte;

–   VISURA CAMERALE nella quale compare la nomina a Responsabile Tecnico;

–   Copia documento identità partecipante.

Per il secondo, terzo, ecc… iscritto della stessa azienda e iscritto nella stessa aula, è previsto uno sconto del 20%.

INFO: CNA Territoriale di Macerata, resp. Michela Rossi, 0733/27951

INSTALLATORI: NUOVO CATASTO UNICO TELEMATICO REGIONALE. SEMINARIO FORMATIVO A MACERATA IL 3 E 4 LUGLIO

INSTALLATORI: NUOVO CATASTO UNICO TELEMATICO REGIONALE. SEMINARIO FORMATIVO A MACERATA IL 3 E 4 LUGLIO

Nei prossimi mesi entrerà in vigore il CURMIT – Catasto Unico Regionale degli Impianti Termici, previsto dalla L.R. 19/2015 (Norme in materia di impianti termici), consistente in un software che obbligatoriamente installatori e manutentori dovranno utilizzare per creare e aggiornare il libretto d’impianto e inviare ai soggetti esecutori il Rapporto di controllo dell’efficienza energetica e ogni altro modulo previsto dalla stessa L.R. 19/2015.

A tal proposito, per introdurvi all’utilizzo del software, in collaborazione con le Autorità competenti e le associazioni di categoria, è stato organizzato per i prossimi 3 e 4 luglio 2018 un seminario formativo gratuito sulla gestione del CURMIT, che si svolgerà nella sala riunioni della Provincia di Macerata, in via Velluti, a Piediripa. La formazione sarà condotta dalla società Oasi Software, che ha realizzato il CURMIT; avrà la durata di circa tre ore e i partecipanti saranno divisi in gruppi di massimo cento persone.

Per ogni data, è possibile scegliere se partecipare la mattina 9.30-12.30 (primo gruppo) o il pomeriggio 14.30-17.30 (secondo gruppo).       

Per organizzare la partecipazione, è obbligatorio inviare la propria richiesta di iscrizione a mrossi@mc.cna.it, completando il modulo

INFO: CNA Territoriale di Macerata, 0733/27951

Pagine:
Pagine:
Pagine:

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA