Archivi per la Categoria: Commercio e Turismo

CNA MACERATA PUNTA SULLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI DEL TURISMO E DELL’ACCOGLIENZA

CNA MACERATA PUNTA SULLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI DEL TURISMO E DELL’ACCOGLIENZA

La CNA Territoriale di Macerata, in collaborazione con Globe Inside e con il sostegno della Camera di Commercio, organizza un corso di formazione per operatori del turismo e dell’accoglienza. Si tratta di un’occasione formativa, del tutto gratuita, rivolta a titolari di hotel, agriturismi, bed and breakfast, aziende agricole, ristoratori, balneatori e operatori dell’artigianato artistico e del Made in Italy, che è uno degli step previsti dal progetto “Macerata in mostra”, avviato da CNA per il settore del turismo e del commercio.

Dopo i recenti eventi sismici che hanno danneggiato il patrimonio artistico locale e l’immagine dei nostri luoghi – sostiene il Presidente Territoriale Giorgio Liglianil’obiettivo prioritario è restituire fiducia sia alla comunità locale, che al visitatore. Per questo siamo convinti che sia necessario ri-progettare e saper comunicare una nuova offerta, capace anche nel breve termine di trarre valore dagli asset lasciati intatti dal terremoto, quali il paesaggio, lo stile di vita, l’enogastronomia, l’artigianato e la manifattura locale. Aumentare il numero di visitatori, la durata del soggiorno, la spesa media per visitatore, e prolungarla anche dopo il rientro, creare opportunità di micro imprenditorialità e di innovazione anche per aspiranti operatori”.

 E’ con questo spirito che la CNA di Macerata ha predisposto un percorso formativo che si aprirà il prossimo giovedì 13 settembre, con il primo incontro che si terrà al Cosmopolitan Hotel di Civitanova Marche alle ore 17:

Grazie alla partnership che abbiamo stretto con la Globe Inside, società che si occupa di servizi per il settore turistico, e al suo coach Marco Cocciarini – spiega il Direttore Generale Luciano Ramadorinell’ambito del progetto “Macerata in mostra”, intendiamo contribuire alla valorizzazione del patrimonio culturale, incentivando gli operatori locali a muoversi da una logica di prodotto, incentrata sull’esperienza e sulla relazione con la storia, il territorio e la sua cultura. Fondamentale è riuscire a costituire un’offerta integrata e di qualità, capace di attrarre l’interesse del pubblico di riferimento e vincere la sfida della competizione globale”.

La prima lezione si terrà dunque il 13 settembre: dopo l’apertura affidata a Matteo Petracci, responsabile territoriale dei settori agroalimentare e turismo per la CNA di Macerata, il coach Cocciarini illustrerà la costruzione dell’offerta turistica. Il focus, in questo incontro, sarà sull’opportunità di creare esperienze turistiche per quegli operatori economici che al momento non lo fanno, con l’obiettivo di attrarre potenziali clienti. Destinatari dell’incontro saranno aspiranti imprenditori o professionisti del settore turistico ristoratori, artigiani del settore artistico, aziende agricole, imprese interessate al modello di “turismo industriale” ed alle possibilità del “bleisure travel”.

TURISMO INTERNAZIONALE: CRESCE L’ATTRATTIVITA’ DELL’ITALIA. IN ARRIVO 24,5 MILIONI DI VISITATORI STRANIERI

TURISMO INTERNAZIONALE: CRESCE L’ATTRATTIVITA’ DELL’ITALIA. IN ARRIVO 24,5 MILIONI DI VISITATORI STRANIERI

Chi è rimasto in città potrà soffrire il caldo umido della stagione. Ma per albergatori, ristoratori, tour operator e guide turistiche sarà un’estate da incorniciare. Soprattutto se conoscono le lingue. Perché l’attrazione turistica internazionale dell’Italia è destinata a crescere. Gli stranieri, insomma, torneranno, e saranno ancora più numerosi dello scorso anno.

Le città d’arte seduzione irresistibile.

Questa estate salirà in media del 3,5% l’incremento delle presenze turistiche internazionali, con una punta del +4,3% nelle città d’arte infatti e, quindi, con il +3,5% nelle mete eno-gastronomiche e il +2,8% nelle località marine. Lo rileva una indagine condotta dal Centro studi della CNA tra gli operatori del settore iscritti alla Confederazione.

La ricerca stima che nei tre mesi estivi saranno 24,5 milioni i turisti non italiani che arriveranno nel nostro Paese contro i 23 milioni del 2017, che pure è stato classificato come “l’anno di tutti i record turistici”. Accumulando un totale di 104,5 milioni di presenze rispetto ai 101 milioni dell’estate scorsa. Per una crescita del 3,5% in termini di presenze e del 6% circa in termini di arrivi.

Ancora più marcatamente positivo l’andamento economico. La spesa del turismo internazionale nel nostro Paese salirà dai 12,7 miliardi del 2017 ai 14 miliardi di questa estate, registrando un incremento superiore al 10%. A testimonianza che l’Italia sta finalmente risalendo la china del low cost lungo la quale era discesa negli anni della crisi più acuta per attrarre un turismo di qualità e di più elevata disponibilità economica. E cercare di risalire posizioni nella classifica del turismo mondiale, non tanto in termini di arrivi e presenze (attualmente è quinta nel mondo, dopo essere stata prima fino agli settanta) quanto in termini di movimento economico e, quindi, di creazione anche di occupazione e ricchezza diffusa.

Traino dell’impennata nelle entrate economiche del turismo internazionale nei mesi estivi sono i turisti extra-europei, che quest’anno sembrano avere “scoperto” (o riscoperto) la vacanza tricolore. Australiani, giapponesi e statunitensi sono stimati in testa in termini di crescita relativa. Mentre continuerà a partire dagli Usa il numero più consistente di turisti. In crescita tra gli arrivi esterni al Vecchio Continente anche i cinesi, i canadesi e soprattutto i russi.

ROMA REGINA DELLE CITTA’ D’ARTE

E’ Roma la regina turistica dell’estate 2018. A incoronarla il turismo internazionale che sta ricollocando l’Italia in cima all’immaginario mondiale. Firenze e Venezia, nell’ordine, le damigelle d’onore. Per completare la top ten, a seguire nell’ordine: Napoli, Milano, Verona, Genova, Torino, Ravenna e Pisa. Nel complesso saranno 11,5 milioni i turisti provenienti dall’estero che questa estate visiteranno le città d’arte italiane.

L’anno scorso sono stati 11 milioni.  Si fermeranno da due a tre giorni e questo potrebbe portare a quasi 30 milioni le presenze, fra pernottamenti ed escursioni, contro i 29 milioni del 2017. A tre miliardi e mezzo di euro ammonterà il movimento economico, 140 euro al giorno pro capite spese nelle città d’arte. Sei turisti su dieci (per la precisione, il 58 per cento) sceglieranno l’albergo per il pernottamento  mentre il rimanente 42% ha deciso di optare per le sistemazioni extra-alberghiere.

NETTO “NO” DELLA CNA DI MACERATA AL NUOVO CENTRO COMMERCIALE. LIGLIANI: MODELLO DI CONSUMO CHE NON CI APPARTIENE

NETTO “NO” DELLA CNA DI MACERATA AL NUOVO CENTRO COMMERCIALE. LIGLIANI: MODELLO DI CONSUMO CHE NON CI APPARTIENE

La CNA Territoriale di Macerata rifiuta nettamente la prospettiva di realizzazione di un nuovo centro commerciale a Piediripa, nell’area Valleverde. Un deciso “no” al sorgere del nuovo centro, che si unisce al coro di grande contrarietà manifestata in questi giorni, sostenuta dalla consistente raccolta firme effettuata nelle ultime ore.

Come CNA – dichiara il Presidente Territoriale Giorgio Liglianiesprimiamo forte preoccupazione per il profilarsi della costruzione di questo centro commerciale. Come è noto, sarebbe un ulteriore centro commerciale, di cui siamo certi che il territorio non senta la necessità. Si tratterebbe di replicare, ancora una volta e in una zona già fortemente popolata di strutture simili, un modello di consumo ancora a vantaggio della grande distribuzione e a discapito delle botteghe, dei piccoli negozi, di un commercio diffuso. Senza dimenticare l’aspetto legato all’ulteriore consumo di suolo ”.

Una posizione, quella dell’associazione di categoria, legata alla delicatissima situazione socio economica, aggravata dal sisma e dalle sue conseguenze: “Riguardo l’utenza potenziale della nuova struttura, il sisma e le dinamiche che ne sono scaturite, l’hanno spostata più che altro verso la costa, per cui è difficile ipotizzare un riscontro reale in termini di affluenza che possa giustificare la realizzazione di un progetto di tale impatto”.

Ligliani ribadisce inoltre che “il modello di consumo che l’esplosione dei centri commerciali favorisce, finisce per penalizzare il commercio di prossimità, l’artigianato e le produzioni di qualità. Oltre ovviamente a contribuire allo svuotamento dei centri storici, uno scenario da scongiurare in maniera netta perché, nel lungo periodo, può mettere a rischio la sopravvivenza, oltre che del commercio, anche delle categorie di artigiani che vivono di manutenzioni dei centri storici stessi”.

Per la CNA di Macerata si tratta di conseguenze molto serie, portate da un paradigma di consumo e di commercio totalmente distante dall’universo produttivo che la nostra associazione di categoria rappresenta.

COMMERCIO: NEL CRATERE I SALDI PARTONO IL 29 GIUGNO, PER IL RESTO DELLA REGIONE IL 7 LUGLIO

COMMERCIO: NEL CRATERE I SALDI PARTONO IL 29 GIUGNO, PER IL RESTO DELLA REGIONE IL 7 LUGLIO

Partiranno venerdì prossimo i saldi nei Comuni del cratere. Una settimana di anticipo rispetto al resto della regione, che dovrebbe consentire di richiamare acquirenti anche da altre zone delle Marche. L’anticipo dei saldi è stato deciso dal vicecommissario delegato alla ricostruzione Luca Ceriscioli. Una boccata di ossigeno per le 7.508 imprese commerciali operanti nell’area, alle prese con una crisi che non è stata ancora superata.

“Da una rilevazione del Centro Studi Cna Marche nelle aziende associate con meno di 20 addetti” afferma Camilla Fabbri, responsabile Cna Marche per la ricostruzione “emerge un drammatico calo del fatturato per le imprese commerciali del cratere. Rispetto ad una media del fatturato annuale delle imprese marchigiane del commercio di 345 mila euro, per le imprese del cratere, il fatturato medio del 2017 si è fermato a 182 mila euro, poco più della metà. Ci auguriamo che i saldi possano rappresentare un’occasione per i marchigiani di visitare le zone colpite dal sisma ed aiutare con i loro acquisti, le attività commerciali in difficoltà.”

Inportante, per la Cna Marche, anche la proroga al 3 agosto, concessa con un altro decreto del Vicecommissario Ceriscioli, del termine per la presentazione delle richieste di contributo da parte delle imprese del turismo, agriturismo, commercio e artigianato che hanno l’attività nelle province interessate dal sisma, che hanno subito una riduzione del fatturato superiore al 30 per cento della media degli ultimi tre anni, nei sei mesi successivi al sisma.

“La proroga dal 30 giugno al 3 agosto” conclude Fabbri “consentirà alle imprese che non lo hanno ancora fatto, di accedere alla ripartizione dei 28 milioni di contributi di cui la metà  riservati a quelle ubicate all’interno del cratere, che in mancanza di questi aiuti rischiano di chiudere l’attività per non riaprirla mai più. Attualmente le domande presentate sono alcune centinaia e sono ancora numerosi i fondi disponibili”.

Pagine:
Pagine:
Pagine:

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA