Archivi per la Categoria: News

FORMAZIONE. AGGIORNAMENTO SAB: ULTIMI POSTI DISPONIBILI PER IL CORSO DEL 4 GIUGNO

FORMAZIONE. AGGIORNAMENTO SAB: ULTIMI POSTI DISPONIBILI PER IL CORSO DEL 4 GIUGNO

CNA e Form.Art Marche ricordano che sono disponibili ultimi posti per il corso di Aggiornamento SAB in programma per lunedì 4 giugno 2018: le lezioni si terranno nella sede di Villa Baruchello a Porto Sant’Elpidio in Via Belvedere n.20 con orario 9-13 e 14-18.

Il modulo di partecipazione deve essere compilato e inviato a corsi@formartmarche.it o al n. fax 071/2855078.

LA QUOTIDIANITA’ DELL’ANZIANO NEL DOPO TERREMOTO: CONVEGNO DEL CUPLA IL 31 MAGGIO A MACERATA

LA QUOTIDIANITA’ DELL’ANZIANO NEL DOPO TERREMOTO: CONVEGNO DEL CUPLA IL 31 MAGGIO A MACERATA

Il CUPLA di Macerata (Coordinamento Unitario dei Pensionati del Lavoro Autonomo), in collaborazione con l’Università di Macerata e il progetto Grage, organizza per il prossimo 31 maggio 2018, alle ore 9, a Palazzo del Mutilato in piazza Oberdan, il convegno dal titolo “La quotidianità dell’anziano nel dopo terremoto”, che sarà moderato da Ninfa Contigiani (UNIMC).

Dopo i saluti del Magnifico Rettore dell’Ateneo maceratese Francesco Adornato, del Presidente della Provincia Antonio Pettinari, del Sindaco Romano Carancini, del Direttore Asur Alessandro Maccioni e del Presidente del Cupla provinciale, Francesca Spigarelli (UNIMC) illustrerà, anche attraverso un contributo video, il progetto Grage – Grey and Green in Europe.

Alle 9.45 nell’ambito della tematica “Ripensare la quotidianità degli anziani” la docente UNIMC Paola Nicolini relazionerà su “Anziani e bambini nel post terremoto: ricreare i legami della comunità e riempire la quotidianità rinnovando i legami tra i più “fragili”; Rosita Pretaroli (UNIMC) “La visione economica sulla ricostruzione“; Giovanna Fanci (UNIMC) “Ruolo e posizione dell’anziano dopo il terremoto”; Paola Monachesi (Università di Utrecht) “Le tecnologie come legame possibile per le comunità disgregate“.

Dopo il coffee break, alle 11.45 è prevista la tavola rotonda “La quotidianità operativa e il futuro”, con gli interventi programmati di Luciana Renna “Il servizio prestato nel territorio dall’Asur: tra esigenze pratiche e
servizi d’emergenza” e di Croce Rossa, Alfa e mondo dell’associazionismo, quelli dei Sindaci del Cratere, ai quali si aggiungeranno le testimonianze delle esperienze sociali  relative a orti e vicinato, per la ripresa della quotidianità.

Alle ore 13 buffet conclusivo organizzato in collaborazione con Play Marche e i produttori delle zone colpite dal sisma.

INFO: CNA Terr.le Macerata, 0733/27951

COMUNE DI MACERATA: BANDO BORSA LAVORO PER DISOCCUPATI, DOMANDE ENTRO IL 15 GIUGNO 2018

COMUNE DI MACERATA: BANDO BORSA LAVORO PER DISOCCUPATI, DOMANDE ENTRO IL 15 GIUGNO 2018

Nell’incontro dello scorso 22 maggio con l’Assessore ai Servizi Sociali Marika Marcolini, siamo stati informati del bando  “Borsa Lavoro” recentemente approvato dal Comune di Macerata e rivolto ai cittadini residenti da almeno tre anni, in stato di disoccupazione e quindi iscritti al Centro per l’Impiego. L’intervento prevede l’attivazione di borse lavoro mediante predisposizione di un progetto individuale della durata di 6 mesi, con presenza del borsista presso il soggetto ospitante per 20 ore settimanali, con un rimborso spese di € 500,00 mensili con costo INAIL a carico del Comune stesso.

L’azienda ospitante, che deve essere dislocata nelle Marche, comparteciperà al costo della borsa lavoro per un importo pari a €. 167,00 mensili.

La scadenza di presentazione della domanda di ammissione al contributo è il 15 giugno 2018.

INFO: CNA Terr.le Macerata, 0733/27951

SISMA. CENTO MILIONI PER IL RILANCIO DELLE PMI. I PRIMI TRE BANDI ENTRO GIUGNO

SISMA. CENTO MILIONI PER IL RILANCIO DELLE PMI. I PRIMI TRE BANDI ENTRO GIUGNO

Superano i cento milioni di euro le risorse disponibili per il rilancio economico e produttivo delle imprese dislocate nelle aree terremotate. I fondi provengono dalla solidarietà dell’Unione europea a favore delle regioni dell’Italia centrale colpite dal sisma. Le Marche hanno beneficiato di un contributo aggiuntivo di 248 milioni, da ripartire tra diversi interventi.

Al rilancio produttivo sono stati destinati 100,5 milioni, mentre 142 vanno al settore delle opere pubbliche. Le nuove risorse vengono rese disponibili attraverso una riprogrammazione del Por Marche Fesr (Fondo europeo per lo sviluppo regionale) che prevede adesso un nuovo Asse prioritario: il numero 8 che finanzia la “Prevenzione sismica e idrogeologica, il miglioramento dell’efficienza energetica e il sostegno alla ripresa socioeconomica delle aree colpite dal sisma”. Il Fesr Marche ha ora a disposizione una dotazione complessiva superiore a 585 milioni di euro, rispetto ai 337 iniziali.

Nelle prime settimane del 2018 la Giunta regionale ha definito dodici interventi da realizzare nel settore imprenditoriale, condividendoli con il Forum del partenariato economico e sociale. Gli investimenti destinati al sistema delle imprese in area sisma saranno attuati tramite graduatorie e alcuni con lo scorrimento di quelle esistenti, non finanziate per carenza di risorse.

L’assessora Bora ha chiarito che l’intenzione della Regione è sostenere, prioritariamente, le filiere e i progetti promossi da imprese in rete anche con operatori che hanno l’attività fuori dall’area del cratere, ma che assicurano un contributo importante, in termini di risultati, all’economia dell’area colpita. I criteri di selezione dei progetti sono stati orientati alle peculiarità del sistema economico dell’area, già fragile prima degli eventi sismici, rappresentato da una significativa presenza di imprese di servizi e del settore agro alimentare, oltre ai settori tradizionali che caratterizzano il territorio marchigiano (industria e artigianato, commercio e turismo) e della presenza qualificata di due Università che sono in grado di dare un importante sostegno in termini di ricerca e competitività.

Per quanto riguarda i tre bandi che usciranno entro giugno, particolarmente attesi dal territorio, promuoveranno, con 6 milioni, le attività imprenditoriali a sostegno delle istituzioni pubbliche che operano a favore delle fasce più deboli e disagiate della popolazione. Con 10 milioni la competitività delle aree colpite dal sisma e con 15 milioni le filiere del Made in Italy presenti nelle zone terremotate.

Per quanto riguarda lo scorrimento di graduatorie su bandi che hanno ottenuto un grande interesse da parte delle imprese del cratere, “confermiamo – ha detto Bora – stanziamenti aggiuntivi di 8 milioni per l’innovazione e aggregazione in filiere delle Pmi culturali e creative, della manifattura e del turismo; di altri 8 milioni per quello che finanzia il miglioramento della qualità e sostenibilità, efficienza energetica e innovazione tecnologica delle strutture ricettive e di 5 milioni per scorrere i progetti presentati sul bando Aree di crisi del Piceno”.

L’assessora ha concluso considerando “il sostegno delle imprese sociali, una assoluta novità che riteniamo essere importante per il rilancio delle aree colpite dal sisma, Così come lo stanziamento di 9 milioni per favorire l’accesso al credito nell’ambito dell’iniziativa destinata all’aggregazione dei Confidi, capace di movimentare fino a 300 milioni di investimenti”.

Pagine:
Pagine:
Pagine:

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA