Archivi per la Categoria: Alimentare

Il cibo e i 5 sensi: un progetto CNA per l’edizione 2019 della RACI

Il cibo e i 5 sensi: un progetto CNA per l’edizione 2019 della RACI

La CNA di Macerata sarà presente alla 35^ edizione della RACI, la Rassegna Agricola Centro Italia in programma al Centro Fiere di Villa Potenza dal 10 al 12 maggio. I punti cardine di questa edizione sono: Radici, Agricoltura, Cibo e Innovazione. La CNA, in collaborazione con la scuola dell’infanzia G. Mameli di Macerata, punterà sul tema alimentare promuovendo un percorso gastronomico educativo che mira a favorire la sostenibilità tramite l’interazione tra cultura, territorio e giovani generazioni, dal titolo “Il cibo e i 5 sensi”.

Il progetto, preparato in aula dai bambini e dagli insegnanti, sarà presentato al pubblico nella giornata di venerdì 10 dalle ore 9.30 alle ore 11.30. Così il Presidente CNA Giorgio Ligliani descrive la metodologia educativa adottata: “Mangiare è un’esperienza sensoriale e quando ci alimentiamo tutti e cinque i nostri sensi vengono coinvolti nella percezione del cibo. Così, i laboratori sono stati pensati per guardare i colori delle materie prime utilizzate, toccare le diverse consistenze, assaggiare i gusti delle diverse pietanze, ascoltare i rumori delle fasi di preparazione, godere dei profumi delle materie prime e del prodotto cucinato”. Passando attraverso il gioco, si propone quindi un’educazione all’alimentazione basata sull’esperienza e sul coinvolgimento diretto, per favorire nei bambini e negli adulti la costruzione di uno stretto legame con i prodotti tipici della nostra terra.

Il programma nel padiglione CNA prevede anche nella giornata di sabato (indicativamente alle ore 11) la partecipazione dello chef Emanuele Pedica dell’azienda agricola “Agricolfiorito” con uno show-cooking sulla preparazione degli gnocchi con patata rossa di Colfiorito IGP e delle lenticchie di Colfiorito.

Corso HACCP per alimentaristi

Corso HACCP per alimentaristi

Da lunedì 8 aprile fino a mercoledì 10 si terranno presso la sede CNA di Porto Recanati gli incontri formativi rivolti a tutte le attività del settore alimentare che necessitano della qualifica HACCP.

Per chi è già in possesso di questa attestazione la normativa prevede l’obbligo di aggiornamento periodico, pertanto il corso è rivolto anche a loro.

Il corso permette ai lavoratori del settore alimentare di fare il punto sulle nuove normative e sulla corretta prassi da applicare nella gestione della sicurezza alimentare. Inoltre, per chi ha già esperienza, permette di rinnovare le conoscenze necessarie al mantenimento delle corrette procedure di igiene degli alimenti tutelando, grazie ad elevati standard igienici, la salute del cliente.

I corsi di formazione sono obbligatori e saranno svolti in conformità al Regolamento CE 853/2004 – 854/2004 – 852/2004 – 882/2004 “Pacchetto igiene”, Leggi regionali, linee guida.

Le date previste per il corso sono 8, 9 e 10 aprile dalle ore 14,30 alle ore 18, mentre la data per l’aggiornamento è lunedì 8 aprile sempre dalle ore 14,30.

Il corso è gratuito ma è necessario iscriversi inviando una mail all’indirizzo sviluppo@mc.cna.it o telefonando al numero 0733/27951 entro il 4 aprile.

Per informazioni tecniche è possibile contattare la Maria Laura Bracalente.

Corso di aggiornamento per la somministrazione di alimenti e bevande

Corso di aggiornamento per la somministrazione di alimenti e bevande

Si terrà presso la sede CNA di Tolentino l’11 marzo prossimo il corso di aggiornamento organizzato da Form.Art Marche per l’esercizio di attività di somministrazione alimenti e bevande.

La sessione formativa, aperta a tutti coloro che hanno intrapreso un’attività di somministrazione e commercio di alimenti e/o bevande, come bar, ristoranti, pizzerie, paninoteche, trattorie, commercio, ecc., ha lo scopo di aggiornare gli operatori sui principali argomenti specifici del settore: riconoscimento merceologico, etichettatura degli alimenti, manipolazione igienica e sicura degli alimenti, sicurezza del luogo di lavoro, normativa in materia.

Al termine del corso i partecipanti riceveranno un regolare attestato di frequenza “Aggiornamento per l’esercizio di attività di S.A.B.” ai sensi della L.R. delle Marche n.27/2009 e della DGR 1198/2012.

Per aderire occorre compilare la scheda presente sul sito www.formartmarche.it, corredarla di documento di identità e spedirla via fax o mail ai seguenti recapiti: 071.2877078 -corsi@formartmarche.it.

Per informazioni è opportuno chiamare la referente Form.Art Marida Pulsoni al numero 071.2905431.

Cresce l’offerta di produzioni biologiche “Made in Marche”

Cresce l’offerta di produzioni biologiche “Made in Marche”

Secondo il Centro Studi di CNA Marche, le imprese marchigiane con certificazione bio sono salite a 2.921 rispetto alle 2.727 di un anno fa. Il 17% delle aziende marchigiane sono biologiche, un numero superiore rispetto a quello nazionale. Pesce, carne, verdure, legumi ma anche pasta, farine, olio e vino i prodotti più certificati.

Il caso dell’azienda agrituristica olivicola biologica Conca d’Oro di Alessandro, Marco e Alba Alessandrini di Appignano del Tronto, che porta il suo olio nelle fiere bio in tutta Italia e fa spedizioni a domicilio in tutta Europa.

 Olio extravergine biologico marchigiano a chilometri zero. Dalla pianta al frantoio ed alla tavola dei consumatori. Coltivazione, molitura, imbottigliamento e vendita. Tutto nell’azienda agrituristica olivicola biologica Conca d’Oro di Alessandro, Marco e Alba Alessandrini di Appignano del Tronto. Un’azienda familiare fondata nel 1985 che porta il suo olio nelle fiere bio in tutta Italia e fa spedizioni a domicilio in tutta Europa.

“Vorremmo ampliare il nostro mercato oltre i confini europei” afferma Alessandro Alessandrini “ma le istituzioni dovrebbero sostenerci nelle trasferte internazionali e predisporre bandi per aiutare le vere aziende bio marchigiane, perchè in questo settore le frodi sono numerose e spesso il consumatore paga poco un olio spacciato per extravergine o bio e in realtà non lo è”.

“Conca d’Oro” è una delle 2.921 imprese marchigiane con certificazione bio.

Ogni 10 mila aziende sono 171 quelle bio, un numero superiore rispetto a quello nazionale che vede la presenza di 102 imprese bio ogni 10 mila attività In Italia le aziende con certificazione bio sono 62.364. Si tratta sopratutto di imprese individuali (72,5 per cento), il 9,8 per cento è formato da società di persone mentre le srl sono l’8,4 per cento  le società cooperative sono il 2,2 per cento e il 7,7 per cento è costituito in altre forme giuridiche (consorzi ecc.)

Pesce, carne, verdure, legumi. Ma anche pasta, farine, olio, vino. Aumenta e si diversifica l’offerta di produzioni biologiche Made in Marche.

Secondo i dati Infocamere, elaborati dal Centro Studi Cna Marche, quasi la metà delle imprese con certificazione bio, è nata negli ultimi tre anni e una su tre tra ha avviato l’attività tra il 2010 e il 2014. Si tratta soprattutto di aziende agricole (oltre l’84 per cento). Il restante 16 per cento si divide tra commercio, manifattura, alloggio e ristorazione.

La provincia marchigiana con la maggior concentrazione di imprese bio è quella di Ascoli Piceno dove ce ne sono 232 ogni 10 mila per complessive 577 aziende con la certificazione biologica. Invece la provincia col maggior numero di imprese biologiche è Macerata (813 e 210 ogni 10 mila). Sul territorio pesarese esercitano la loro attività 748 aziende bio mentre ad Ancona sono 554 e a Fermo 229.

“ Mentre le aziende agricole marchigiane” commenta Francesca Petrini presidente Unione Agroalimentare Cna Marche“continuano a diminuire, quelle con certificazione biologica sono in crescita. Tra ottobre 2017 e lo stesso mese del 2018 sono passate da 2.727 a 2.921 con l’apertura di 194 nuove imprese e 600 nuovi occupati. Nello stesso periodo le aziende agricole in attività nella regione sono scese da 27.380 a 25.872, con la perdita di 1.508 imprese. E’ la dimostrazione di una crescente attenzione di consumatori per i prodotti biologici e agroalimentari di qualità, certificati ed a chilometri zero. L’impresa bio è anche donna. Quelle femminili sono il 30 per cento del totale mentre il 12 per cento ha un titolare under 35. Le imprese bio non utilizzano concimi, diserbanti, pesticidi e Ogm. Tra l’altro ricordo che la Cna aderisce a ‘Liberi da Ogm’ insieme alla Coldiretti e difende biodìversità e produzioni tipiche locali.”

Pagine:
Pagine:
Pagine:

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA