CANONE RAI: QUANDO LE IMPRESE NON DEVONO PAGARE

In questi giorni stanno nuovamente pervenendo alle imprese  parecchie lettere della RAI – Radiotelevisione Italiana, con allegato un bollettino  precompilato, nelle quali si invita l’utente a pagare il canone speciale di abbonamento alla tv.

Già nelle prime settimane dell’anno la RAI aveva  inviato una lettera alle imprese di ogni tipologia, nella quale affermava che le  norme di legge in materia di “abbonamenti radiotelevisivi” imponevano  l’obbligo del pagamento anche a chi deteneva apparecchi potenzialmente in grado di  ricevere il segnale radiotelevisivo, come i semplici computer.

Questa nuova azione della RAI appare del tutto inopportuna  soprattutto in questo particolare momento di difficoltà economica e ancora una  volta motivata solo dalla logica perseverante di “fare cassa” , giocando su una  comunicazione poco chiara e distorta, che si presta a far nascere convincimenti  errati. Appare strumentale, ad esempio, la  richiesta di indicare nella dichiarazione dei redditi il numero di abbonamento  speciale alla radio o alla televisione.

La CNA di Macerata, al fine di evitare che si ingenerino di nuovo falsi  convincimenti tali da spingere le imprese che non vi sono tenute a pagare  abbonamenti o effettuare versamenti non dovuti, informa che, come già chiarito dal Dipartimento  delle Comunicazioni a inizio anno, è importante verificare se effettivamente  l’apparecchio sia munito di sintonizzatore: in assenza di tale dispositivo non  va corrisposto alcun canone.

In ogni caso gli uffici CNA provinciale sono a disposizione per  eventuali chiarimenti. Per info tel. 073327951

 

CNA Macerata
Partita Iva 01475080436
Via Zincone, 20 - 62100 Macerata
Tel: +39.0733.27951 Fax: +39.0733.279527

Dove siamo

Powered by
SIXTEMA SpA